AGRICOLTURA IN VENETO: NORMATIVE - OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

lunedì 25 febbraio 2013

TRATTORI AGRICOLI REVISIONE, CINTURE E ROLL-BAR OBBLIGO PER TUTTI.

Trattori agricoli sicurezza obbligatoria per TUTTI

REVISIONE MEZZI AGRICOLI TARGATI : stando alla normativa oggi in vigore   A partire dal 01 gennaio 2014 2015   30 giugno 2015  31/12/2015 31/12/2018  (cfr., da ultimo, nota dell’Area Ambiente ed Energia n.3-15 del 3.03.2014).tutti i mezzi agricoli targati ( semoventi e trainati ) dovranno essere revisionati. e anche tutti i mezzi immatricolati da più di 5 anni dovranno essere revisionati entro tale data
Al momento non sono ancora disponibili dettagli in quanto non è ancora stato pubblicato il decreto attuativo interministeriale e le circolari applicative. 
Non appena disponibile la nuova normativa ve ne daremo comunicazione.



... Come spesso succede in italia, un conto è la teoria (il provvedimento legislativo generale già approvato e in vigore), un altro la pratica (il regolamento attuativo che non c'è, e che serve a definire le modalità delle revisioni). Quindi di fatto, la “legge” c’è, è in vigore, ma non si può applicare.

REVISIONE MEZZI AGRICOLI
Decreto con le novità  del  30/06/2015 GU-149-del-30-6-2015
Secondo quanto stabilito dal decreto la revisione è diventata obbligatoria per:
•    tre grandi categorie di macchine agricole (art.1) ed in particolare:
1.    Trattori agricoli: a partire dal 31 dicembre 2017 e successivamente ogni 5 anni entro il mese corrispondente alla prima immatricolazione secondo l’anno di immatricolazione nella tabella in allegato 1.

2.    Macchine agricole operatrici semoventi a due o più assi: a partire dal 31 dicembre 2017.
3.    Rimorchi agricoli: a partire dal 31 dicembre 2017.
•    tre grandi categorie di macchine operatrici (art 2) a partire dal 31 dicembre 2018 in particolare per:
1.    Macchine impiegate per la costruzione e la manutenzione di opere civili
2.    Macchine sgombraneve
3.    Carrelli
L’articolo 6 del decreto stabilisce tempi differenti per le diverse tipologie di macchine agricole e operatrici in circolazione 
Per quanto riguarda le modalità di esecuzione della visita di revisione, queste sono disciplinate dall’articolo 5 che rimanda ad un successivo decreto i dettagli tecnici. Viene però puntualizzata la possibilità di effettuare la revisione tramite unità mobili.

Adeguamento dei trattori agricoli contro il rischio di capovolgimento(questo è il volantino che riassume la normativa)

Il ministero dei trasporti con una circolare del 16/05/2011,ha chiarito che tutte le trattrici agricole devono essere equipaggiate con dispositivi di protezione del conducente in caso di ribaltamento, anche quelle che risultino fin dall'origine prive di tali strutture di protezione.(Adeguamento dei  trattori  agricoli  o forestali  ai  requisiti minimi di  sicurezza per  I'uso delle attrezzature di  lavoro previsti  al punto  1.3  dell'allegato  XV  del  D.  Lgs. 359/99)

Questa norma già applicata in tutte le aziende agricole con dipendenti, grazie alle norme sulla sicurezza dei posti di lavoro, che sancisce responsabilità penale e multe salatissime in caso di mancata applicazione.

Deve ora essere applicata  a tutte le macchine agricole intestate ed utilizzate da aziende agricole.


privati cittadini  detentori di mezzi agricoli (quindi non intestatari di partita IVA agricola), se utilizzano il mezzo unicamente sui propri terreni (non transitando su strada Si ricorda, altresì, che per la circolazione su strada anche i trattori e le macchine agricole sono veicoli e, come tali, devono essere assicurati, immatricolati ), e senza concederlo  MAI in uso a terzi, non sono formalmente soggetti all'obbligo di adeguare il mezzo con i dispositivi di protezione.
E' evidente che la mancanza di obbligatorietà non riduce il grave rischio per la propria salute, che tale scelta comporta.





Ecco  le direttive interne previste  dalle Autorità:
"I trattori agricoli, come le macchine agricole in generale, sono soggette alle norme del Codice della Strada. La mancata osservanza delle norme comporta sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi del Codice della Strada, alle quali deve essere contestualmente applicata la sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione. Questa, inviata dal Comando accertatore al Dipartimento Trasporti Terrestri (ex Motorizzazione Civile), potrà essere ritirata solo dopo aver messo a norma la situazione. Nel frattempo il veicolo non potrà circolare.
Nel caso di ritiro della carta di circolazione, qualora il veicolo dovesse circolare, è previsto il fermo per tre mesi del veicolo stesso oltre ad una sanzione pecuniaria stabilita dal Prefetto
Inoltre in questo caso il conducente o proprietario sarà nominato custode, con responsabilità penali se dovesse non custodire o far circolare il veicolo nuovamente.
Si ricorda, altresì, che per la circolazione su strada anche i trattori e le macchine agricole sono 
veicoli e, come tali, devono essere assicurati, immatricolati e guidati da autisti con patente adeguata al veicolo condotto."

Per i trattori è  stata  riconosciuta  una  procedura  semplificata,  la  quale  non  prevede l'aggiornamento della  carta di  circolazione .
E' stato eliminato l'obbligo di visita di collaudo, in caso vi sia la certificazione di un installatore autorizzato.

quindi riassumendo
Si sono definitivamente obbligatori tra le altre cose:
trattore, ossia una struttura installata direttamente sul
trattore, avente essenzialmente lo scopo di evitare o limitare
i rischi per il conducente in caso di capovolgimento
del trattore durante una utilizzazione normale;
http://agricolturabiblioteca.blogspot.it/2014/10/linstallazione-dei-dispositivi-di.html



indipendentemente dalle condizioni operative del trattore
(cintura di sicurezza).

http://www.unipd-org.it/rls/Lineeguida/Agricoltura/LGadeguamento_trattori_%20ritenuta_conducente.pdf



se volete dati tecnici e normative specifiche consultate la Ns. biblioteca on line argomento 
SICUREZZA NORMATIVE
e troverete molte pubblicazioni :


n.b.
privati cittadini  detentori di mezzi agricoli ( non intestatari di partita IVA agricola e quindi non soggetti alle norme sulla sicurezza sul lavoro), se utilizzano il mezzo unicamente sui propri terreni (non transitando su strada, non sono soggetti alle norme del codice stradale ), e se non lo  concedono MAI in uso a terzi (non sono soggetti a responsabilità PENALE per l'inadeguatezza del mezzo nei confronti di altri utilizzatori)non sono  esplicitamente obbligati ad adeguare il mezzo con i dispositivi di protezione.


E' evidente che la mancanza di obbligatorietà non riduce il grave rischio per la propria salute, che tale mancanza comporta.

VENETO allarme morti sul lavoro in agricoltura 45 decessi solo nei primi mesi del 2018




"autore: confagricoltura venezia mirano"
Print Friendly and PDF

articoli