AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

09 maggio 2013

SANZIONI AGEA PER IL MANCATO RISPETTO DELL' AVVICENDAMENTO (CONDIZIONALITA')

Sappiamo tutti che esistono delle norme da rispettare per poter percepire i contributi comunitari per l'agricoltura, definite per comodità Condizionalità:
Buone Condizioni Agronomico Ambientali

Una degli obblighi che generalmente gli agricoltori faticano a capire ( o meglio ad accettare) è l'obbligo dell' avvicendamento colturale, pratica che in tempi remoti era di prassi.
Quest'obbligo di rotazione dell colture, fa parte di un piano per il controllo delle sostanze azotate nei terreni e di conseguenza di protezione dall'atrofizzazione e della falda sottostante.

Senza considerare le deroghe alla normativa, ad esempio per gli allevatori,gli obblighi da rispettare  principalmente nella Ns. zona sono:
E' Vietata la mono­ successione per una durata superiore a cinque anni dei se­guenti cereali: 
frumento duro,frumento tenero, triticale,spelta, segale, orzo, avena, mi­glio, scagliola, farro
La successione dei seguen­ti cereali (frumento duro, fru­mento tenero, triticale, spelta,segale, orzo, avena, miglio,scagliola, farro) è considerata, ai fini della presente norma, come monosuccessione dello stesso cereale
Vige inoltre l’obbligo di effettuare l’avvicendamento almeno biennale tra colture depauperanti e colture miglioratrici o da rinnovo.

Le colture miglioratrici e quelle da rinnovo sono quelle di seguito elencate: 

cereali (granturco, sorgo da granella, grano saraceno, granturco dolce);proteiche (piselli, fave e favette, lupini dolci); semi oleosi (soia, colza e ravizzone, girasole, lino);piante  da fibra (canapa, lino);barbabietola da zucchero.Colture depauperanti sono i cereali a paglia (duro, tenero, triticale, spelta, segale, orzo, avena, miglio, scagliola, farro).

Veniamo alle sanzioni.

premesso che la sanzione è proporzionale alla gravita' dell' infrazione.



Livello basso

superficie oggetto di infrazione superiore a 0 e inferiore o uguale al 20% della superficie

aziendale soggetta a vincolo, purché non superiore a 2 ettari.

Livello medio

superficie oggetto di infrazione superiore al 20% e inferiore o uguale al 30% della

superficie aziendale soggetta a vincolo, purché non superiore a 3 ettari;

Livello alto

superficie oggetto di infrazione superiore al 30% della superficie aziendale soggetta a

vincolo, oppure superiore a 3 ettari, oppure siano riscontrati effetti extra - aziendali.

 ecc..
Questo penalizza le micro aziende agricole che essendo spesso monocolturali  facilmente hanno una sanzione di livello medio


Le sanzioni si possono riassumere brevemente così:



La sanzione, per il primo anno, è al massimo il 5%,del premio relativo, 
mentre nell'anno successivo è il 15%, nel terzo anno, dopo 
l'ammonizione, diventa intenzionale e si arriva al 20%, per poi venire 
esclusi dal regime in caso di più infrazioni intenzionali ripetute.
In pratica le riduzioni dovrebbero essere:
1° anno 5%
2° anno 15%
3° anno (dopo ammonizione) 20%
4° anno esclusione dal regime per l'anno in corso e quello successivo 

Per maggiori approfondimenti in merito potete leggere questi due stralci della circolare AGEA
sanzioni
norme sostanze azotate

o consultare il settore normative del sito agea
per una migliore comprensione della norma.

SE invece vuoi saperne di più sugli avvicendamenti colturali puoi leggere QUI



Print Friendly and PDF

Periodici on-line gratuiti di: CONFAGRICOLTURA

Periodici on-line gratuiti di: CONFAGRICOLTURA
Clicca sull icona e Leggi le riviste online o sfoglia le news/letter !

Consulta le pubblicazioni GRATUITE nella NOSTRA biblioteca multimediale

articoli