USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

18 giugno 2013

PEC AZIENDE agricole ci pensa Confagricoltura.

Ricordiamo che l'obbligo di possedere una email PEC vige per tutte le aziende iscritte in Camera di Commercio

Se il  volume d’affari della azienda agricola è inferiore a settemila euro si trova in regime di  “esonero” dagli adempimenti IVA e pertanto esonerato dall’obbligo di iscrizione presso la Camera di Commercio e quindi non deve possedere una P.E.C .

Se però si è iscritto in Camera di Commercio, per ottenere il carburante agevolato, l'obbligo resta.

per maggiori informazioni sulla PEC potete cosultare QUESTO precedente articolo

L'apertura della email Pec. 

Per gli agricoltori è un fastidioso problema, per questo 


Confagricoltura a livello nazionale ha deciso di coadiuvare le aziende fornendo un servizio di attivazione e consulenza.

E ' quindi possibile presso il Ns. ufficio effettuare l'apertura della casella PEC  e l'iscrizione in Camera di Commercio della stessa.
i servizi che offriamo:



  • APERTURA CASELLA E RINNOVO:
effettuiamo noi la pratica telematica per poter aprire una casella EMAIL PEC , appoggiandoci a una delle più note aziende del settore, saremo in grado di modulare la email a seconda delle esigenze e delle conoscenze informatiche dei Nostri agricoltori.

Ci occuperemo noi di effettuare il rinnovo della casella email e quindi verranno saldate direttamente a noi le relative competenze, evitando così agli agricoltori la seccatura di andare a  pagare bollettini postali o di effettuare pagamenti su internet con carta di credito.
  • ISCRIZIONE DELLA CASELLA PEC IN CAMERA DI COMMERCIO
Ricordiamo che per poter iscrivere in Camera di Commercio una casella PEC, anche per la singola azienda, è obbligatorio essere muniti di chiavetta usb per la firma digitale, rilasciata dalla Pubblica Amministrazione.
Oppure e possibile effettuare l'iscrizione tramite Noi in quanto soggetto Autorizzato.
Quindi se avete già un indirizzo PEC, creato da Voi, nei Nostri uffici troverete anche la possibilità di effettuare la sola iscrizione dell' indirizzo presso la Camera di Commercio.
Che cosa è la P E C ?
tema che consente di inviare e-mail con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta di ritorno, come stabilito dalla vigente normativa (DPR 11 Febbraio 2005 n.68).
Benché il servizio PEC presenti forti similitudini con la tradizionale Posta Elettronica, è doveroso dare risalto alle caratteristiche aggiuntive, tali da fornire agli utenti la certezza – a valore legale - dell’invio e della consegna (o della mancata consegna) delle e-mail al destinatario.
La Posta Elettronica Certificata ha il medesimo valore legale della raccomandata con ricevuta di ritorno conattestazione dell'orario esatto di spedizione.Inoltre, il sistema di Posta Certificata, grazie ai protocolli di sicurezza utilizzati, è in grado di garantire la certezza del contenuto non rendendo possibili modifiche al messaggio, sia per quanto riguarda i contenuti che eventuali allegati.
La Posta Elettronica Certificata garantisce - in caso di contenzioso - l'opponibilità a terzi del messaggio.Il termine "Certificata" si riferisce al fatto che il gestore del servizio rilascia al mittente una ricevuta che costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio ed eventuali allegati. Allo stesso modo, il gestore della casella PEC del destinatario invia al mittente la ricevuta di avvenuta consegna.
I gestori certificano quindi con le proprie "ricevute" che il messaggio:
La Posta Elettronica Certificata (PEC) è il sis
  • E' stato spedito
  • E' stato consegnato
  • Non è stato alterato
In ogni avviso inviato dai gestori è apposto anche un riferimento temporale che certifica data ed ora di ognuna delle operazioni descritte. I gestori inviano ovviamente avvisi anche in caso di errore in una qualsiasi delle fasi del processo (accettazione, invio, consegna) in modo che non possano esserci dubbi sullo stato della spedizione di un messaggio. Nel caso in cui il mittente dovesse smarrire le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata dal gestore per 30 mesi, consentirà la riproduzione, con lo stesso valore giuridico, delle ricevute stesse.
 Ricordiamo che in agricoltura non vige l' obbligo di iscrizione alla Camera di Commercio.
Quindi l'obbligo vige soltanto per tutti gli agricoltori che per motivi contabili (versamento iva) o fiscali (richiesta carburante agevolato), si sono iscritti alla Camera di Commercio.
Gli agricoltori obbligati, oltre a possedere un indirizzo PEC di posta elettronica, dovranno,  sopratutto, vista la sua importanza ai fini legali,  PERIODICAMENTE controllarlo.

Print Friendly and PDF

articoli