USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

23 luglio 2013

Rapporto 2013 sull’agroindustria e l’agricoltura del Nord Est

dal  sito di Confagricoltura

E’ uscito il secondo Rapporto sull’agroindustria e l’agricoltura del Nord Est, elaborato dalla Fondazione Nord Est

rapporto 2013 agricoltura 

eccone un breve stralcio:


Il primo elemento che emerge dall'analisi delle politiche distributive è che la sceltadelle imprese del Nord Est appare orientata a favorire prevalentemente canalidistributivi lunghi. Esse prevedono una relazione con il grossista che media la domandadei dettaglianti. Il 71,2% delle imprese del settore agroindustriale del Nord Est utilizza,infatti, il canale del commercio all’ingrosso per far arrivare i propri prodotti alconsumatore finale. Il 54% si rivolge al dettaglio tradizionale, il 39,5% direttamente aiconsumatori finali e il 38,6% utilizza la grande distribuzione organizzata (GDO). Se siconsidera l’intensità, in termini di quota sul fatturato totale, con cui le imprese sirivolgono ai diversi canali distributivi, emerge che la quota media di ricavi realizzataattraverso il canale del commercio all’ingrosso è pari al 32,1% del totale, con la metàdelle imprese che consegue almeno il 20% del fatturato attraverso relazionicommerciali con grossisti e intermediari. Il dettaglio tradizionale “pesa” il 18,6% deiricavi (dato medio) e la metà delle imprese realizza più del 5% dei ricavi utilizzando talecanale. La grande distribuzione assicura, mediamente, il 17% dei ricavi, la venditadiretta al consumatore finale pesa, mediamente, per il 16,3% dei ricavi. Ladistribuzione per canale non sembra destinata a cambiare dato che nel futuroprossimo il 24,4% delle imprese dichiara di voler aumentare il peso dell'ingrossomentre il 24,1% potenzierà il rapporto con il consumatore finale.
 Considerando l'importanza della proiezione
internazionale delle imprese va sottolineato che il 54,5% delle aziende nordestine non
esporta. Tra queste imprese più di due su cinque (42,6%) dichiara di voler estendere, in
un futuro prossimo, il proprio raggio d'azione ai mercati internazionali.

Print Friendly and PDF

articoli