USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

12 novembre 2013

Revisione trattrici bozza del decreto.

Abbiamo sempre più richieste relative alla tanto temuta revisione delle macchine agricole .

Ci sembra opportuno riproporvi uno stralcio dell'articolo dal Notiziario di informazione su agricoltura, ambiente, alimentazione a cura dell'Accademia dei Georgofili che riteniamo abbastanza chiaro su come si sta sviluppando la questione:

Aggiornamento:

DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2013, n. 150  

 oltre a posticipare l'attuatività della revisione, sposta al 30 giugno 2014 la dead line entro la quale il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti - di concerto con quello delle Politiche agricole e forestali - dovrà definire il decreto attuativo contenente le procedure, i tempi e le modalità delle revisioni nonché i criteri per l'accertamento dei requisiti minimi di idoneità per le macchine agricole in circolazione. 



"Una bozza di decreto ancora allo studio e, quindi, non definitiva, ad aprile è stata presentata alle organizzazioni interessate.
Quali sono le macchine agricole interessate alla revisione?
Innanzitutto le trattrici, qualcosa come due milioni di esemplari; quindi le operatrici semoventi soggette ad immatricolazione, cioè tutte le mietitrebbatrici e le altre semoventi immesse in circolazione dopo il 6 maggio 1997 perché prima non venivano immatricolate; le motoagricole, i trasporter e le trattrici con pianale di carico; i rimorchi agricoli con targa di immatricolazione (stimati in circa due milioni di esemplari).
Per il nuovo art. 111 sono escluse dalla revisione le macchine agricole operatrici trainate, anche se omologate; quelle condotte da  operatore a terra (motocoltivatori, motofalciatrici, motozappatrici); le macchine semoventi – escluse le mietitrebbiatrici – immesse in circolazione prima del 6 maggio 1997; i rimorchi agricoli non immatricolabili, cioè quelli con massa complessiva inferiore a 1500 kg, larghezza inferiore a 2 metri, lunghezza (compresi gli organi di attacco) inferiore a 4 metri. 
Nella revisione dovrebbe essere posta particolare attenzione alla presenza dei dispositivi contro il ribaltamento, allo stato dei pneumatici, alle luci di posizione, ai fari, al lampeggiatore e ai dispositivi retrovisori, mentre per i rimorchi particolare attenzione andrà posta alla funzionalità dei freni.
Per la complessità del problema i tempi per la definitiva stesura del decreto non sembrano essere immediati."

per saperne di più leggete l'articolo nel link.
Print Friendly and PDF

articoli