AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

04 febbraio 2016

Una boccata d'ossigeno per le aziende agricole con 2 milioni di euro di finanziamenti.


Banca Santo Stefano e Confagricoltura Venezia hanno stipulato un accordo che prevede l'erogazione di prodotti e

 finanziamenti a condizioni estremamente vantaggiose a favore degli associati Confagricoltura.

Flavio Tomaello

Ne è orgoglioso Flavio Tomaello, presidente del mandamento di Confagricoltura Mirano che ha fortemente sostenuto il progetto insieme al tecnico Claudio Bobbo.

Una iniziativa che ha visto il pieno appoggio anche di Giulio Rocca, presidente di Confagricoltura Venezia e del direttore Rita Tognon.

Nello specifico Banca Santo Stefano ha stanziato un plafond di euro 2 milioni di euro dedicato a finanziamenti chirografari con condizioni di favore, oltre ad interventi per prestiti di conduzione e finanziamenti per anticipi contributi comunitari. 
Una iniziativa molto importante in un momento in cui i ritardi della liquidazione degli aiuti europei per l'agricoltura (Pac) stanno aggravando la crisi di molte aziende.


Un impegno che privilegia in particolare interventi come: la costruzione e la gestione impianti di depurazione, sistemi di irrigazione; l'avvio di processi di certificazione di qualità ambientale; ricerca e sviluppo di produzioni nuove e innovative; opere innovative di miglioramento agrario in genere (di processo e commerciali); l'acquisto terreni; la ristrutturazione di stalle e vigneti e nuovi impianti produttivi; l' acquisto macchine ed attrezzature; la messa a norma del parco macchine ed attrezzatura esistente per un importo massimo di 200 mila.

Vengono inoltre destinati agli associati Confagricoltura specifici prodotti per la remunerazione dei depositi.
Scopo dell'iniziativa è favorire il settore Agricolo che rappresenta un ramo molto importante dell'economia regionale e locale. Per la Banca Santo Stefano hanno partecipato il presidente Marco Michieletto; il direttore generale Roberto Torre; il direttore di mercato Claudio Marchiori e il responsabile del segmento piccole e medie imprese Valter Santolini.

Print Friendly and PDF

articoli