AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

31 marzo 2016

La dichiarazione dei redditi 2016






La dichiarazione dei redditi dei dipendenti e pensionati



Come già lo scorso anno, possono presentare il mod. 730 anche dipendenti e pensionati privi di sostituto di imposta (perché, ad esempio hanno perso il lavoro o sono in attesa di ricevere la pensione); in tal caso l'eventuale credito è rimborsato dall'Agenzia delle Entrate, ed il debito di imposte deve essere versato con il modello di pagamento F24.
Anche quest'anno l'Agenzia delle Entrate, con i dati presenti in anagrafe tributaria, mette a disposizione dei contribuenti sul proprio sito internet un modello “precompilato”; il contribuente potrà integrarlo/modificarlo o accettarlo senza modifiche e poi trasmetterlo all'Agenzia; a questo scopo è necessario dotarsi di apposito pin per l'accesso al canale Fisconline. 

DOVE E QUANDO VA PRESENTATA LA DICHIARAZIONE
I contribuenti possono rivolgersi al C.A.A.F. entro il 7 luglio (si raccomanda comunque di anticipare al mese di aprile/maggio, per evitare lunghe attese presso gli uffici). Il contribuente deve esibire tutta la documentazione necessaria per permettere la verifica dei dati dichiarati.

ELENCO ESEMPLIFICATIVO DEI DOCUMENTI NECESSARI

Per dichiarare i redditi percepiti

  • mod. CU rilasciato dal datore di lavoro o ente pensionistico
  • certificati catastali di terreni o fabbricati e copia atti notarili per variazioni intervenute
  • contratti di locazione di immobili, copia mod. 730 o UNICO dell’anno precedente
Per documentare le spese sostenute

  • ricevute spese mediche, farmaceutiche, sostenute per se stessi o per familiari a carico
  • spese veterinarie per animali detenuti a scopo di compagnia

tasse fisco
  • interessi per mutui ipotecari per l’acquisto di abitazioni, per prestiti e mutui agrari
  • documentazione relativa alla detrazione per ristrutturazione edilizia del 50% e del risparmio energetico del 55-65%
  • premi per assicurazioni vita e infortuni, spese funebri
  • spese istruzione
  • contributi previdenziali ed assistenziali
  • erogazioni liberali a favore di ONLUS, istituzioni religiose
  • contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari (colf, addetti assistenza anziani ecc.)
  • spese per attività sportive praticate da ragazzi tra i 5 e i 18 anni di età
  • affitti pagati da studenti universitari fuori sede, spese per frequenza asili nido
  • spese per mezzi di deambulazione e locomozione per portatori di handicap
  • compensi pagati a intermediari immobiliari per l'acquisto dell'abitazione principale

Novità di quest'anno: sono detraibili anche le spese sostenute per la frequenza di scuole dell'infanzia, del primo ciclo di istruzione e scuola secondaria di secondo grado, nel limite di € 400 all'anno per alunno; per detrarre le spese funebri non è più richiesto che intercorra un rapporto di parentela col deceduto, ed il limite è fissato a € 1550 per ciascun evento.
N.B. Si ricorda che gli enti previdenziali NON spediscono più i modelli CU tramite posta.
Pertanto, il pensionato, per procurarsi il modello CU (indispensabile per la compilazione del mod. 730) dovrà, alternativamente:
stamparlo dal sito internet dell'INPS, previa identificazione tramite PIN
recarsi presso uno sportello CAAF o un Patronato.

Print Friendly and PDF

articoli