AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

08 febbraio 2017

“Il futuro delle denominazioni di origine del Veneto” giovedì 9 febbraio alle 9.30 presso Confagricoltura di Padova

“Il futuro delle denominazioni di origine del Veneto” è il titolo dell’incontro che si svolgerà
giovedì 9 febbraio alle 9.30, nella sede di Confagricoltura di Padova
(Strada Battaglia, 71/C – Albignasego), promosso da Confagricoltura Veneto. Alla tavola rotonda parteciperanno l’assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan, alcuni tra i maggiori consorzi di tutela del vino del Veneto, gli enti di controllo e il direttore dell’Icqrf (ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari) del Nordest,
Gianluca Fregolent.
L’incontro è mirato a fare il punto sul settore vitivinicolo veneto, partendo dall’analisi degli andamenti produttivi e dei mercati degli ultimi anni, per poi ragionare su nuove regole e controlli che possano consolidare la crescita sia in termini qualitativi che quantitativi. Il comparto vitivinicolo ha, infatti, acquisito un’importanza fondamentale nell’economia agricola e agroalimentare del Veneto e perciò servono regole certe e sicure, in grado di stabilizzare i mercati e stabilizzare la produzione lorda vendibile delle aziende.
«Saranno presenti i consorzi regionali più rappresentativi - spiega Christian Marchesini, presidente del settore vitivinicolo di Confagricoltura Veneto -. Ognuno racconterà l’andamento della stagione 2016 e le prospettive future delle doc storiche del Veneto, con un occhio di riguardo anche all’eventualità di continuare nella giusta e corretta gestione del potenziale produttivo. Sul tavolo anche il tema della sostenibilità del vigneto, un argomento importante e fondamentale per il futuro dell’economia enologica veneta. Saranno presenti anche i direttori degli enti di certificazione, che racconteranno un ruolo diventato ormai fondamentale per la gestione del sistema vitivinicolo. Infine il direttore dell’Icqrf traccerà un’analisi del futuro, anche in riferimento alla dematerializzazione dei registri».

Saranno presenti il consorzio tutela vini Conegliano Valdobbiadene Prosecco doc, il consorzio di tutela Prosecco doc, il consorzio di tutela vini Montello e Colli Asolani doc, il consorzio di tutela vino Bardolino, il consorzio vini Colli Euganei, il consorzio tutela vino Soave doc, il consorzio tutela vino Valpolicella doc, il consorzio vini Colli Berici Vicenza.
Print Friendly and PDF

articoli