lunedì 15 aprile 2019

e' prevista un'ulteriore riduzione per i contributi PAC

Gli agricoltori del Veneziano con il pagamento della Pac 2019, si troveranno con meno soldi in tasca.

Come conseguenza del progressivo adeguamento ad unico valore dei titoli di contributo  €/Ha per la nostra nazione.

Oltre alla già previste riduzioni del contributo, subiranno un'ulteriore riduzione che potrà arrivare fino al 9%  la cosiddetta "convergenza interna".


Quindi oltre alla riduzione del 06% che tutti subiscono e dovuta alla cosiddetta "convergenza esterna" ( riduzione complessiva di tutti i titoli) oltre alla riduzione che tutti subiscono del 3%  detto "taglio lineare" (per alimentare i fondi destinati alle nuove aziende), e alla riduzione del 0.92% destinata al sostegno dei premi accoppiati ( soia, barbabietole, ecc.)

Si aggiunge questa  riduzione del 9%, che  interessa però solo chi possiede un titolo di contributo superiore alla media nazionale,e subirà quindi una trattenuta proporzionale, destinata ad aumentare il valore dei titoli nazionali con importi inferiori.

Ricordiamo che  la media nazionale è 225€/ha, mentre nelle nostre zone siamo a circa 400€/ha, il che significa che tutti i nostri vecchi agricoltori saranno penalizzati da questo meccanismo.   

Si stima che la conseguente riduzione media del valore di  contributi per il periodo 2015-2020 arriverà a superare il 30% del valore iniziale.

Inoltre è già previsto, che a causa della lentezza dei conteggi fatti dalla comunità EUROPEA, per le sanzioni subite dall'Italia nella distribuzione dei contributi .

L'importo definitivo dei titoli della domanda 2019 si avrà solo nell'autunno 2020, quindi i saldi della prossima domanda 2019 slitteranno quasi certamente all'autunno del 2020.

Riassumendo: le sanzioni  riducono il plafond delle risorse complessive destinate agli agricoltori, sanzioni causate dall'errato o mancato utilizzo da parte dell'Italia dei fondi Europei, che per colpa del loro conteggio riceveranno in ritardo i pagamenti della PAC 2019. 


ISCRIVITI alla News-Letter

ISCRIVITI

chi siamo